Recensione di Pinguino PAC N87 Silent: il prodotto che accontenta tutti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (30 voti, media voti: 3,17 su 5)
Loading...

Un interessante prodotto della famiglia Pinguino è sicuramente il PAC N87 Silent. Nonostante sia tra i più economici e meno ricco di funzioni avanzate, possiede delle caratteristiche interessanti che lo rendono meritevole di una certa attenzione.

La sua qualità di costruzione lo rende un buon acquisto, a cui si vanno ad aggiungere prestazioni e consumi nella media (che ne fanno un prodotto versatile), una rumorosità più bassa rispetto a prodotti simili, e poi ci mettimo anche un prezzo vantaggioso.

Andiamo quindi a scoprirlo meglio, perché può essere l’acquisto ideale per chi cerca una macchina senza troppe pretese e dal giusto prezzo.

Caratteristiche principali

  • Abbastanza silenzioso
  • Buona potenza con i suoi 9800 BTU
  • Compatto
  • Si sposta bene
  • Classe energetica A
  • Telecomando
  • Timer 12 h
  • Facile da usare

n87 frontale

Consumi

Da questo punto di vista, ci assestiamo ad un livello assolutamente medio, in linea con altri prodotti di questo tipo. Dalle nostre rilevazioni in laboratorio siamo intorno ai 950 watt, 940 per la precisione (oppure 0,94 kW) quelli dichiarati dal manuale.

Abbiamo una classe energetica A, che non è assolutamente alta ma nemmeno troppo bassa, per cui un consumo regolare; anche la potenza e la superficie che riesce a coprire è sempre nella media, adatto a stanze di circa 25/30 metri quadri, (il costruttore lo dichiara utile per ambienti di 85 metri quadri, ma è sicuramente un dato fantascientifico) per cui per qualcuno potrebbe essere troppo poco, per qualcun altro potrebbe essere troppo a livello di consumi.

È difficile, quindi, dare una valutazione per un prodotto del genere: di sicuro si può dire che, se è l’unico elettrodomestico acceso, anche a potenza massima la corrente non salta, ma non si può pensare di accenderlo insieme (ad esempio) ad un forno o un asciuga-capelli perché probabilmente si raggiungerebbe il limite consentito dal contatore.

Rumorosità

Il nome di questo condizionatore ci fa sapere che è “Silent”, quindi silenzioso. Infatti si parte da un minimo di 48 dB fino ad massimo di 63. Al di là dei numeri, la “gestione del rumore” è ben realizzata su questo N87.

A tal proposito dobbiamo fare una premessa: nessun condizionatore è silenzioso al massimo, esattamente come nessun frigorifero è silenzioso al 100%, con la differenza che il frigorifero è isolato, il condizionatore no. Per cui non immaginate il silenzio di un climatizzatore fisso (che ha il motore all’esterno), perché nel portatile siamo sempre ad un livello più alto.

Detto questo, il Pinguino in questione è effettivamente uno dei più silenziosi in circolazione al momento. Il silenzio massimo si ottiene quando mettiamo (appunto) la modalità Silent, che viene messa automaticamente in deumidificazione (per cui fa davvero poco rumore) e possiamo scegliere di inserirla quando raffreddiamo la stanza.

Se scegliamo questa modalità viene ridotta la velocità della ventola, per cui c’è più silenzio ma il raffreddamento è più lento; è consigliata dopo una mezz’ora dall’accensione del dispositivo, e si può impostare comodamente dal telecomando.

Perciò non è un elettrodomestico silenzioso in senso assoluto, ma tra i portatili è uno dei migliori da questo punto di vista. Quando non si usa la modalità Silent, il rumore è comunque leggermente inferiore a quello emesso dagli altri prodotti simili a lui.

Prestazioni

Come per i consumi, nelle prestazioni ci assestiamo su un livello medio. La potenza è di 9800 BTU, e considerando che prodotti come questo partono da basi di 7000 per arrivare a picchi di 12000, si capisce bene che ci assestiamo, in questo caso, ad una potenza media.

Di certo c’è da dire che non è il prodotto migliore tra i Pinguino, da questo punto di vista, sia per la mancanza di modalità avanzate, sia perché effettivamente non si riescono a coprire stanze troppo grandi. In ogni caso se lo guardiamo in relazione ai consumi, ci rendiamo subito conto che è un buon compromesso, adatto ad ambienti di vario tipo, e soprattutto se lo paragoniamo al costo di altre macchine simili, le prestazioni garantiscono un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Comunque bisogna dire, che esistono prodotti migliori di questo, per prestazioni.

Esperienza d’uso

Una delle prime cose che si nota quando lo si posiziona nella stanza, è il fatto che si tratta di un prodotto piuttosto leggero, almeno se paragonato ad altri dispositivi simili a lui.

Questo lo rende particolarmente adatto agli spostamenti, considerando anche la sua forma che permette di muoverlo particolarmente bene, per cui è adatto anche a raffreddare alternativamente più stanze. Probabilmente le ruote multi-direzionali fanno molto bene il loro lavoro.

Quando si posiziona bisogna metterlo vicino ad una finestra, perché c’è il soito tubo che deve portar fuori l’aria calda dalla stanza. Quest’ultimo, lungo all’incirca 1,50 metri ma che si può ritrarre fino a 40 centimetri, sono state trovate due soluzioni nell’ottica di far rimanere la stanza ermetica.

La prima è un pannello in plastica per finestre a scorrimento, con un buco, che permette di mettere il tubo fuori dalla finestra tenendola chiusa, ma senza forarla (in alternativa, il diametro per il foro è 14 cm); la seconda è una bocchetta schiacciata, simile a quella di un aspirapolvere, che permette di far uscire il tubo dalla finestra “classica”, quella con le due ante: non sarà ermetico, ma quantomeno limita al massimo l’ingresso di nuova aria calda e umida nella stanza.

La macchina si può controllare sia dal pannello, sia con il telecomando incluso all’interno della confezione. Con essi si possono selezionare le tre modalità, ovvero il raffreddamento, la deumidificazione e la ventilazione. In più ci sono la modalità Silent e il Timer a 12 ore, che accompagnano queste tre di base.

Il tubo è necessario sia in deumidificazione che in ventilazione, perché anche la condensa viene eliminata dal tubo, per cui non c’è il sistema di drenaggio continuo, anche se bisogna sempre tener attaccato il tubo alla finestra; evitiamo così di svuotare continuamente il contenitore di raccolta dell’acqua, come accade con altri prodotti come questo.

La deumidificazione è una modalità “fissa”, nel senso che non possiamo impostare una temperatura e che il Silent, in deumidificazione, sarà sempre attivo e non si potrà disattivare. Nel condizionamento invece, possiamo anche impostare la temperatura che vogliamo raggiungere e mantenere, decidendo anche le velocità delle ventole.

In tutte e tre le modalità poi, è possibile impostare il Timer, che va avanti fino a 12 ore e consente di far spegnere il motore dopo un certo periodo di tempo da noi scelto.

Come si può vedere, è una macchina dalle funzioni davvero semplici: mancano molte modalità presenti in altri modelli (Pinguino e non), come la modalità Sleep che consente di ridurre la funzione durante la notte, oppure la modalità automatica che alterna deumidificazione e raffreddamento a seconda delle necessità.

Conclusioni

Come abbiamo visto, il Pinguino PAC N87 Silent è un prodotto tutto sommato di qualità, senza troppe pretese e adatto all’utilizzo base che si fa di un prodotto del genere.

DeLonghi non ha risparmiato, fortunatamente, sulla qualità dei materiali (infatti è difficile che un dispositivo del genere venga portato in riparazione, a noi ne arrivano davvero pochi) anche se in un’ottica di riduzione dei costi c’è stata una limitazione nelle funzioni.

La potenza è nella media, per cui non è adatto ad ambienti troppo grandi, mentre non è un prodotto particolarmente votato al risparmio energetico, anche se la bassa potenza ne limita i consumi eccessivi. Dal punto di vista del rumore, bisogna dire che la modalità Silent qualcosa fa, e lo rende sicuramente più silenzioso rispetto ad altri climatizzatori: rallenta il raffreddamento quando vogliamo rinfrescare la stanza, mentre in deumidificazione è sempre attiva di default, per cui almeno in questo caso il rumore è assolutamente accettabile, anche se non è possibile comunque (per esempio) dormire con il Pinguino molto vicino al letto perché è comunque troppo disturbante.

Nel complesso, un climatizzatore semplice, senza particolari pretese ma comunque molto utile per chi cerca un prodotto economico ma vuole garanzie quantomeno nella costruzione; chi non è interessato alle funzioni avanzate troverà un ottimo apparecchio, e noto in generale che chi lo possiede è piuttosto soddisfatto, magari perché non ci sono troppe aspettative, rispetto a modelli (Pinguino e non) molto più costosi di questo.