Evitare di bucare la finestra con il telo sigillante di Comfee

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (19 voti, media voti: 4,16 su 5)
Loading...

In questo articolo andremo a recensire un accessorio molto importante per chiunque abbia a casa un condizionatore portatile, o abbia intenzione di acquistarne uno, che ti aiuterrà molto nella sua collocazione all’interno di casa tua.

Uno dei problemi più importanti nell’installazione di un climatizzatore portatile, infatti, è il tubo: parte integrante della macchina stessa, deve finire fuori dalla stanza per eliminare il calore raccolto, e questo costringe chi ha una finestra ad ante a lasciarla sempre aperta, con il risultato (naturalmente)  che buona parte del calore torna all’interno e l’efficienza del climatizzatore portatile diminuisce.

Le soluzioni per ovviare a questo problema esistono, ma o sono poco efficienti (bocchetta del tubo allungata, che troviamo in alcuni condizionatori) o necessitano di interventi (foratura del muro o del vetro della finestra) che non tutti possono sostenere, ad esempio nelle case in affitto.

Per questo parliamo del Telo Sigillante Comfee che può essere applicato a qualsiasi finestra ad ante, per creare un isolamento più completo possibile, e garantire così la totale efficienza di ogni condizionatore portatile.

Telo sigillante Comfee: cos’è

Il telo sigillante di cui vi parliamo è un telo in plastica morbida, che ha un effetto isolante, e che si può applicare a qualsiasi finestra, lucernario e anche porta-finestra, visto che è lunghissimo, anche se quest’ultimo caso lo sconsigliamo (vedremo perché più avanti).

In pratica è come un lungo lenzuolo, che si applica ad una finestra semiaperta, da un’anta all’altra, e va chiudere lo spazio tra le due, così che anche se la finestra è aperta, non passa aria tra le due porte; in pratica, sigilla la tua finestra anche quando è aperta. Circa a metà del telo si trova una zip, che si chiude dai due lati, all’interno della quale si inserisce il tubo del condizionatore, chiudendo le zip in modo che aderisca il più intimamente possibile al tubo.

In questo modo lo spazio tra le due anteè completamente sigillato, tranne che per un buco all’interno del quale si inserirà il tubo, che potrà in questo modo espellere l’aria calda ma, allo stesso tempo, questa non entrerà nuovamente all’interno di casa tua.

Se a parole è un po’ difficile da spiegare, le immagini non lasciano dubbi, e sicuramente si evita che attraverso uno spazio ampio come quello tra le due ante possa passare l’aria calda, per cui in linea di massima l’acquisto, per chi ha un portatile, è assolutamente consigliato.

Ma andiamo a vedere come montarlo sulla nostra finestra e anche quali sono i limiti entro i quali non andrebbe utilizzato, preferendo invece altre soluzioni.

 

Il montaggio del telo sigillante Comfee

comfee telo montaggio

Il montaggio non è difficile, anche se bisogna considerare che c’è da perdere un minimo di tempo. E’ necessario anche considerare che una volta montato, non potremo più chiudere la finestra, per cui è meglio metterlo ad una finestra da cui non si possa entrare in casa (sia voi che i ladri!), quindi dovresti abitare almeno al secondo piano o averne una con le inferriate, per una questione di sicurezza domestica.

Il telo, una volta estratto dalla confezione, deve andare a sigillare le due porte dell’infisso tra loro, per cui va posizionato per un lato sul bordo dell’anta aperta, e per l’altro lato su quella che rimane chiusa (perché una deve  rimanere chiusa e l’altra aperta). Immaginando la finestra come una fetta di formaggio tagliata, il telo deve essere la crosta, e sigillare tra loro i due lati della fetta che sono invece le ante e l’infisso della finestra.

Per fissarlo alle ante e all’infisso è necessario utilizzare il nastro biadesivo incluso nella confezione, che se usato su una finestra è valido almeno per due installazioni (per due estati successive, poi vedremo perché); quando è finito, è sufficiente acquistare un altro rotolo di nastro biadesivo per poterlo utilizzare anche gli anni successivi. Alla fine della stagione calda, quando lo togliamo, il nastro usato si butta e il telo si puo’ lavare in lavatrice, perché nel frattempo si sarà sporcato.

Comunque lo si applichi, la zip rimane sempre a metà tra le due ante, e in questo modo si possono regolare le due cerniere perché, dopo aver inserito il tubo, lo blocchino completamente; in questo modo il tubo rimarrà fisso, così come il condizionatore che dovrà rimanere sempre nello stesso posto, e non avremo i problemi di isolamento.

 

 

Quando utilizzare il telo Comfee

Il telo isolante va bene per tutte quelle situazioni in cui non si può fare a meno di far passare il tubo attraverso la finestra, per isolare la stanza in cui ci troviamo.

E’ molto lungo, perché misura ben 4 metri di lunghezza (la parte eccedente si piega e si lascia appoggiata sul davanzale della finestra), che vanno calcolati come altezza+larghezza: se una porta-finestra, ad esempio, è alta 250 cm e larga 60, ci saranno necessari 310 cm, e visto che il telo è 400 cm è assolutamente sufficiente per il nostro scopo; è adattabile a tutte le finestre.

Particolarmente indicato è l’utilizzo nel caso in cui il tubo finisca in modo circolare, e non schiacciato, “ad aspirapolvere”: in questi casi le finestre rimangono ancora più aperte, e questa è la situazione ideale per l’utilizzo.

Quando non possiamo fare il foro alla finestra (perché non è casa nostra, ad esempio) e quando non possiamo forare il muro (cosa ancora più invasiva) il telo Comfee rappresenta una soluzione perfetta per l’isolamento della stanza.

Quando non utilizzarlo

Per prima cosa, come abbiamo già un po’ detto prima, quando si mette il telo la finestra in questione non potrà più essere aperta. Questo perché il telo isolante richiede un po’ di tempo per essere posizionato, e non si può mettere e togliere tutti i giorni; per cui, se una stanza ha una sola finestra, sconsigliamo l’utilizzo perché viene meno la funzione di areazione della finestra stessa. E’ vero che, al bisogno, senza togliere il telo si può togliere il tubo e aprire maggiormente la zip per far passare dell’aria, ma la situazione è tutt’altro che ottimale.

Inoltre, ne sconsigliamo l’utilizzo anche nel caso in cui abbiate una porta-finestra: questo per lo stesso motivo che abbiamo già indicato, per cui o la porta-finestra non la si apre mai (e allora ok, perché non serve di passaggio), oppure, se si apre, mettere e togliere il telo è troppo complesso, per cui è preferibile metterlo da un’altra parte, diversa dalla prima.

Inoltre, è utilizzabile ma non lo consigliamo, quando le finestre sono scorrevoli e non hanno le ante. Intendiamoci, il telo è utile e funziona bene anche in questo caso, ma esistono anche dei pannelli con il foro, pensati proprio per il condizionatore portatile, che isolano completamente le finestre a scorrimento e sono più facili da applicare; in caso di finestre scorrevoli sono da preferire rispetto al telo isolante.

Conclusioni

Il telo Comfee è un prodotto molto interessante per chiunque abbia un climatizzatore portatile.

Riesce infatti, perdendo una mezz’oretta di tempo per l’installazione a regola d’arte, a aumentare l’efficienza del climatizzatore riducendo i consumi ed aumentando le prestazioni, grazie all’isolamento che si crea nella stanza.

Risolve inoltre uno dei problemi più comuni dei climatizzatori portatili, quello del dover tenere la finestra aperta a causa del tubo: se avete un portatile, o comunque avete intenzione di acquistarne uno, ed avete una finestra ad ante che potete “sacrificare”, nel senso che potete evitare di aprire perché, per esempio, nella stanza c’è un’altra finestra, è un ottimo modo per aumentare la capacità del condizionatore che già avete e, allo stesso tempo, per risparmiare qualcosa sulla bolletta elettrica grazie alla maggior efficienza.

Leave a Reply